ACME 107

ACME 107 | Fabio Colombini – Milano 1977

Acme107 concentra la sua arte di strada dal muro alla tela seguendo le orme di figurativo di volti di donne o animali miscelato da un biocromismo  ispirato da H.R.Giger alla più pazza forma di colori sgocciolature e materiali di realizzazione, passando dagli smalti agli acrilici e contrasti di materiale che danno vita al mondo contemporaneo. Reinventando la Figurazione Pop Italiana con la sua originalità e tipicità, in un mondo dominato dai consumi, l’arte seriale considera superato il concetto di espressione dell’interiorità e dell’istintività, propria dell’Informale e dell’Espressionismo Astratto. L’artista utilizza le immagini della pubblicità elaborandole con le più inconsuete tecniche pittoriche. Acme 107 con la serie Dive aggiunge la seduzione del suo Iperrealismo contaminato con Combine Color Shower. Il talento ricorda un mix dei migliori momenti di Robert Rauschenberg, Roy Lichtenstein, Richard Hamilton, Mimmo Rotella, Tom Wesselmann, Peter Phillis e del mitico Andy Warhol.

Acme 107

Sviluppa l’arte dei graffiti di strada dai primi anni novanta nella sua peculiarità da forme tridimensionali e figurativi che appaiono nelle mura di varie città. La comunità riconosce il valore artistico abbastanza per commissionare diverse muri di grande valore paesaggistico, riqualificando intere aree urbane. Negli ultimi anni, durante la sua maturazione artistica decide di dare il suo stile urbano sulle tele incominciando nel 1999 con vari percorsi “THE SEVEN PATH OF MY WORK“: Earth, Creation, Amerika, The Flowers, Metamorphosis, The Saint, 3dimension, una tipologia di opere che rappresentano il mondo circostante il tutto in un centinaio di opere di varie dimensioni. Tradizionali i mezzi di espressione come pannelli di legno, lastre di ferro, resine, smalti, acrilici e tanti altri materiali, utilizzando come base sempre la tecnica dello spray, per non discostarsi dalle sue radici artistiche che caratterizzano il sapore della strada.  Varie opere esposte  in diverse gallerie tra cui, Saatchy online Gallery Londra,  Mondo Pop con Vinil Factory  Roma, Amantes Torino, Meltin Pop Arona, Arte Accessibile Milano, Inspiration Vigevano in esposizione temporanea alla galleria DamArte e diverse mostre collettive. Esibizioni dal vivo in varie location e fiere:  EICMA 2012, MIDO, REATECH ed eventi legati al fuori salone del mobile di Milano tra cui EASTPAK e OSAMA (Uniposca), collaborazione con l’artista KAYONE per l’architetto Mario Cucinella e Design Library interpretando il concetto di “Building Green Futures” in merito al recente progetto di una scuola in Khan Younis nella striscia di Gaza, ad alta sostenibilità. Nel 2010 è stato riconosciuto nella fondazione Cologni Arte e Mestieri in qualità di giovane talento e maestro d’arte decorativa. Una collaborazione con Jaeger LeCoultre  per il progetto “A ROSE FOR EMERGENCY” presentato alla prestigiosa  Biennale del Cinema di Venezia nel 2011. Presente una sua opera dal titolo Sweet Dream a “BACK 2 BACK” Evento Collaterale Ufficiale della Biennale di Venezia 55° Edizione. A Settembre 2013, Acme107 conclude uno dei più grandi graffiti a Milano di metri 36 x 6  al MUSEO DEL MANIFESTO CINEMATOGRAFICO nella famosa  Via Gluck, un Graffito a tema dove si trovano un mix di immagini di film, manifesti e attori di questo secolo inseriti in un unico disegno fantasy.