STREET PLAYERS 2019

Si aprono i cancelli della 5ª edizione di Street Players!


500 GRAFFITI WRITER E STREET ARTIST
500 ANNI DA LEONARDO DA VINCI
5 KM DI MURO DA DIPINGERE

LA VERA JAM DI MILANO, LA PIÙ GRANDE D’ITALIA!

5 / 6 / 7 Luglio 2019

La più grande ed inclusiva jam italiana, organizzata da Stradedarts Urban Gallery di Milano in collaborazione con Snaitech, con la partecipazione di 500 Graffiti Writer e Street Artist provenienti da tutta Italia e da molti paesi esteri che si esibiranno dal vivo su 5 km di muro dell’Ippodromo Snai di San Siro per celebrare Leonardo da Vinci a 500 anni dalla sua scomparsa. #streetplayers2019 #streetplayers #stradedarts

Tema: Leonardo 500; Genio di Leonardo; Cavallo di Leonardo.

Via Diomede, Viale Caprilli, Piazzale dello Sport, Via del Centauro, buona passeggiata!

Evento ufficiale del palinsesto per Milano Leonardo 500
Con il patrocinio del Comune di Milano

Scarica il Comunicato Stampa

http://www.stradedarts.it
http://www.ippodromisnai.it/sansirogaloppo/

Partners:

• GAZZETTA DELLO SPORT
https://www.gazzetta.it

• IED
https://www.ied.it

• RADIO DEEJAY
https://www.deejay.it

• CLASH
https://www.clashpaint.com

• R-USE DESIGN
http://www.r-usedesign.com

• VE.CO
https://www.vecosrl.it

• GASOLINE
https://drinkgasoline.energy

Photo by Cosimo Griso Alfarano

FACTORY ART ELECTROLUX

100 ANNI DI UNO STILE DI VITA MIGLIORE

Per celebrare i suoi 100 anni, Electrolux lancia Il concorso Factory Art rivolto a Graffiti Writer e Street Artist chiamati a realizzare un’opera dedicata allo Scopo di Electrolux: 
Shape living for the better: for 100 years and for many years to come
Contribuiamo a uno stile di vita migliore: da 100 anni e per molti anni a venire.

Tra tutti i bozzetti che perverranno entro il 10 luglio all’indirizzo e-mail marco@stradedarts.it, una giuria composta da Electrolux e Stradedarts sceglierà il vincitore che sarà chiamato a realizzare l’opera sulla superficie di un muro di metri 4 di altezza x 21 di lunghezza all’interno della fabbrica Electrolux di Solaro (MI).

L’opera dovrà essere realizzata tra il 1° e il 19 agosto.
Per l’artista vincitore è previsto un premio di 6.000 euro.

SCARICA L’ISCRIZIONE AL CONCORSO

Il concorso è realizzato in collaborazione con Stradedarts. Ogni artista potrà partecipare al concorso con un unico bozzetto. Il premio per il vincitore sarà soggetto all’applicazione di una ritenuta d’imposta alla fonte, prevista per legge.

Marco Mantovani 3355292840 – marco@stradedarts.it

TEMA DEL CONCORSO

Shape living for the better: for 100 years and for many years to come
Contribuiamo a uno stile di vita migliore: da 100 anni e per molti anni a venire

Da 100 anni Electrolux reinventa le esperienze legate al gusto, alla cura dei capi e al benessere. Attraverso innovazioni rivoluzionarie e design d’eccellenza, ha creato stili di vita più piacevoli e sostenibili per centinaia di milioni di persone in tutto il mondo.

Fondata in Svezia nel 1919 dall’imprenditore Axel Wenner-Gren, Electrolux ha una storia ricca di innovazioni rivoluzionarie e di forti ca- pacità imprenditoriali; una storia di rapida espansione e acquisizioni, di grande attenzione al consumatore e di eccellente design. Tutto questo tra grandi tendenze come la globalizzazione e la digitalizzazione. Durante il 2019 celebreremo tutti questi risultati e, ancora più importante, guarderemo avanti dando ulteriore vita al nostro Scopo con azioni concrete e con un impatto positivo sulla più grande s da globale: il modo in cui viviamo le nostre vite. Il 2019 sarà per questo il punto di partenza della nostra più grande iniziativa: un piano d’azione globale a lungo termine per creare un futuro più piacevole e so- stenibile. Il nostro Scopo è di contribuire a uno stile di vita migliore. Oggi, domani e per altri 100 anni.

Scopri di più su electroluxgroup.com

 

ABOUT A CITY 2019

CITY SKIN
Domenica 26 Maggio  dalle 11.00 alle 18.00
Largo Sibilla Aleramo – Milano
a cura di Stradedarts  

Con KayOne, Napal Naps, Bros, Rendo, Kool Koor, Nais

A chi appartiene la città? Arti performative, live street art, installazioni e laboratori con artisti nazionali e internazionali concludono About a City 2019domenica 26 maggio: per rispondere alla domanda un’intera giornata dedicata ai linguaggi artistici, ai percorsi di produzione creativa e rigenerazione dei contesti urbani anche in chiave sociale politica, – proprio nel giorno delle Elezioni europee 2019. Il mini festival dedicato alla città e alle sue trasformazioni parte alle 11.00 con la performance collettiva City Skin, a cura di Stradedarts in collaborazione con Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, insieme agli artisti KayOne, Bros, Napal Naps, Rendo, Kool Koor, Nais che si esibiscono dal vivo in una agorà temporanea negli spazi esterni della Fondazione, nel largo Sibilla Aleramo. Graffiti Writing e Street Art Culture: un’esperienza diretta dell’arte che ha cambiato l’aspetto delle città ripensandone gli spazi, dalle prime forme di dissenso fino all’ estetica contemporanea.

Scarica il comunicato stampa

RI-GENERAZIONI

Venerdì 15 marzo 2019, a partire dalle ore 18:30

presso lo spazio espositivo Stradedarts, in Largo dei Gelsomini n. 6 a Milano, è inaugurata la mostra personale dell’artista Albano Paolinelli, dal titolo RI-GENERAZIONI, organizzata da Dich/tomic art in collaborazione con Stradedarts e curata da Riccardo Pianezzola, con l’intervento del critico dell’arte sostenibile Marco Eugenio Di Giandomenico, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano. L’evento, che dura fino al 30 marzo 2019, è promosso dalla piattaforma comunicativa internazionale Betting On Italy di Milano, la quale seleziona e sostiene mediaticamente eventi artistici e culturali in Italia e all’estero di notevole ricaduta sociale.

Albano Paolinelli, abruzzese di nascita, opera dagli anni ’70 con molteplici mostre in Italia e all’estero, trasfondendo nelle sue opere un approccio “sostenibile” all’arte realizzando il bridging tra pittura, scultura, fotografia e cinema. Il suo eclettismo, connaturato alla complessa e originale personalità, anticipa nel secolo scorso istanze creative oggi attuali e alla base delle principali produzioni degli artisti contemporanei. «Paolinelli è senza dubbio un artista “sostenibile” – commenta il critico d’arte Marco Eugenio Di Giandomenico – in quanto le sue opere hanno un contenuto valoriale, operano un transfert sull’osservatore di profonde riflessioni esistenziali, hanno un apporto di edificazione sociale e personale, migliorano i contesti artistico-culturali in cui si muoveranno le generazioni future».

NESSUNA FRONTIERA

QUATTORDIO URBAN ART – NESSUNA FRONTIERA

Siamo lieti di comunicare la presentazione del libro di cui siamo editori, Quattordio Urban Art – Nessuna Frontiera di Marco KayOne Mantovani e Alessandro Paolo Mantovani. Il 15 Dicembre 2018 ore 11.00 Sala dei Maestri – Comune di Quattordio e il 16 Dicembre all’inaugurazione della mostra dedicata agli artisti intervenuti alla prima edizione di QUA, Castello di Lajone, ore 18.00 
Strada vicinale di Piana Lunga, 1 – Frazione Piepasso, Quattordio.


 


CINQUANTA SEGNALIBRI

STRADEDARTS e INWARD Osservatorio sulla Creatività Urbana portano in mostra a Milano venticinque tra i migliori street artisti italiani con “Cinquanta Segnalibri”, esposizione collettiva di opere inedite in piccolo formato.

L’inaugurazione è venerdì 27 aprile, dalle ore 18.30, 
presso Galleria STRADEDARTS - Largo dei Gelsomini, 6, Milano.

Alberonero, Bifido, Camilla Falsini, Corn79, Daniele Nitti (Hope), Flycat, Geometric Bang, Luigi Loquarto (Gig), Giorgio Bartocci, Giulio Vesprini, G-loois, Gola, Gue, Ironmould, Kerotoo, La Fille Bertha, Loste, Matteo Brogi, Mattia Campo Dall’Orto, Mr.Fijodor, Orticanoodles, RMOGRL8120, Rosk, Xel e Zeus40 hanno infatti elaborato la propria idea personalissima di street art, realizzando ognuno due opere in formato 10x40cm, riprodotte anche quali veri segnalibri in una particolare confezione. Nel 2006, INWARD organizzò la sua prima esposizione, intitolata “Quarantotto Segnalibri”: ventiquattro graffiti writers rielaborarono forme, strumenti e senso delle loro opere producendo due manufatti in formato rettangolare (10×40 cm) che furono stampati in centinaia di esemplari di segnalibri d’artista. Quella esposizione fu una delle prime testimonianze di certa maturità del fenomeno graffiti writing come oggettopoetico, rappresentando l’esordio nel mondo dell’arte contemporanea per molti degli artisti coinvolti, oranoti anche a livello internazionale.

A distanza di undici anni, “Cinquanta Segnalibri” propone una fotografia dello stato attuale della street art italiana, anche in tale caso fuori città: un panorama cangiante fatto di disegno, pittura, design, tante altre tecniche artistiche e differenti background, esponendo le opere di venticinque dei più noti e stimati streetartist italiani, in forma di cinquanta segnalibri d’artista. Dopo Torino, la seconda città italiana ad accogliere la mostra sarà Milano, negli spazi della Galleria STRADEDARTS, spazio per l’arte contemporanea che si occupa di graffiti writing e street art. L’esposizionesarà accompagnata dal catalogo in edizione limitata e sarà possibile acquistare un cofanetto che raccoglie le riproduzioni delle opere in formato segnalibro, il cui ricavato andrà a supporto della cooperativa sociale“Arginalia”, che favorisce opportunità di lavoro ai giovani di Napoli Est, dove ha sede operativa INWARD.

“Cinquanta Segnalibri” è una mostra prodotta da INWARD Osservatorio sulla Creatività Urbana con il supporto di Ceres.

STREET À PORTER / FLYCAT & KAYONE


Inaugura la mostra STREET À PORTER dei due artisti FLYCAT e KAYONE, Graffiti Writer italiani tra i più noti al pubblico nazionale e internazionale presso il prestigioso hotel Boscolo Milano. I due artisti presenteranno la loro nuova collezione di foulard STREET À PORTER in edizione limitata, realizzata in collaborazione con l’azienda italiana Andrea Savio, raf guranti alcune delle loro più rappresentative opere realizzate su tela, in occasione del Milano Fashion Week F/W 2018. Nella Museum Hall dell’hotel Boscolo Milano sarà inoltre allestita un’esposizione di quadri dei due artisti; durante i tre giorni d’evento, realizzeranno anche una nuova opera sulla parete dipinta in precedenza da FLYCAT e KAYONE, a dimostrazione di una rinnovata collaborazione tra gli artisti e l’eclettico hotel Boscolo Milano. (La mostra sarà visitabile dal 22 febbraio al 22 marzo)

Presentazione ufficiale Venerdì 23 febbraio dalle ore 18.30 – Cocktail, Dj Set

BOSCOLO MILANO
Situato tra il Duomo e il quadrilatero della moda, l’hotel Boscolo Milano è l’emblema della contemporaneità, del design che sposa il lusso. Un’originale fusione d’eleganza, arte e stile italiani, l’hotel è un punto di riferimento per i visitatori amanti del bello e dell’arte.
milano.boscolohotels.com

ANDREA SAVIO
Produttore serico con esperienza trentennale, amante del bello, è alla costante ricerca d’innovazione e nuovi stili. Produttore al 100% Made in Italy, segue la lavorazione dal lato al capo nito. Sciarpe, foulard e accessori fashion, che aggiungono un tocco d’arte all’outfit di tutti i giorni.
andrea-savio.com 

ABOVE GROUND

NAPAL
Mostra Personale

a cura di Alessandro Mantovani

26 Ottobre – 16 Dicembre 2017

Inaugurazione 26 Ottobre dalle ore 19.00

STRADEDARTS
Largo dei Gelsomini 6, Milano

NAPALPLANET
Il lavoro di Napal, rispecchia una ricerca non solo estetica, ma fortemente interiore, ricca di significati e simboli, crea un contesto metafisico e onirico, dalla poetica raffinatamente fiabesca. La mano dell’artista cattura elementi, riprende cose e persone, produce una moltitudine di luoghi al fine di essere successivamente assemblati, riesce con maestria a comporre immagini ricche di fascino dalle surreali atmosfere riproducendo un ambiente che va oltre la realtà. La sperimentazione del maestro, attraverso una costante ricerca illustrativa riesce a leggere dentro, alla scoperta di spazi occulti dove arrivano echi del mondo reale, dove la realtà viene dimenticata per lasciare posto alla capillare fantasia. Un visionario con dimensioni psicologicamente multiformi, detentore di memorie e attualità, di ironie e misteri, fortemente influenzato da nuove forme di comunicazione, che esercitano sulla sua sensibilità nuovi rapporti e proporzioni con lo spazio. Artista con orizzonte senza confini e repertorio d’immagini ecclettico: volti, paesaggi, animali, luoghi non luoghi in rapporto come elementi facenti parte di un tutto in continuo divenire. Lo spazio dei suoi quadri si compone di superfici che non trattengono il soggetto ma lo fanno scorrere lungo una dimensione transitoria, che nega il senso del tempo e dello spazio. Effetti pirotecnici in un caleidoscopio di colori abbacinanti che giocano sull’effetto sorpresa e di spaesamento percettivo, un’arte la sua dalla natura molto introversa con immagini che suggeriscono e raccontano ogni volta una nuova storia multiforme anzichenò. La poesia pittorica diventa un mezzo per vedere oltre la realtà e rappresentare con forme nuove il regno dell’inconscio, un codice figurativo con oggetti e figure che appartengono alla vita comune, una vera rivoluzione che propone un nuovo stile di vita privilegiando l’immaginazione e la vita interiore di ogni individuo. Il surrealismo suggerisce il compito supremo della sua arte, ossia la partecipazione cosciente e attiva alla prossima rivoluzione culturale, il riconoscimento universale del più importante movimento artistico mai esistito chiamato Urban Art. Buon viaggio su NapalPlanet.

Alessandro Mantovani


ABOVE GROUND
L’esigenza innata di creare, di produrre arte “pubblica”, che si ramifichi nei luoghi ed arrivi alla gente, è per Napal la costante di tutta la vita. Fin dal 1986 l’urgenza espressiva lo porta ad avvicinarsi al movimento dei writer nella Gold Coast, in Australia, dove inizia il suo percorso a soli 10 anni. Dipingerà poi in molti altri luoghi, da Roma a New York, a Parigi, Londra, Berlino, Salonicco, Istanbul, Barcellona. Adesso arriva a Milano, con una personale che inaugura un capitolo di svolta per stile e suggestioni. Portare la propria visione del mondo nello spazio urbano, ricodificarlo, raccogliere idee e diffonderle tra le persone, è da sempre uno dei suoi obiettivi. L’arte per Napal è esigenza interiore e ricerca costante, un meticoloso diario dell’evolversi del proprio io. Per più di trent’anni ha portato avanti un discorso personale credendo nella centralità alla propria opera, dipingendo senza mai apparire formalmente in pubblico, restando appartato, effettivamente underground. La mostra Above Ground presenta una nuova fase, intrapresa dall’artista alla ricerca di un linguaggio ancor più diretto, derivato dall’evoluzione stilistica dei passaggi precedenti. Un’estetica nuova, un approccio multidisciplinare, che produce una fusione tra urban art e illustrazione, tra pittura del Novecento e arte digitale. Le tematiche si caratterizzano adesso per un dichiarato registro onirico e surreale, affrontate con approccio sensibile e fortemente ironico come, da sempre, è per Napal la visione del mondo. La mostra è frutto di un lavoro intenso, che spazia dai graffiti, all’illustrazione digitale, al muralismo. Viaggio creativo tra espressioni diverse, la pittura è intesa come un linguaggio vivo e in divenire. Napal si affaccia sulle Avanguardie del Novecento attraverso il filtro di De Chirico, Magritte, Depero, Picasso, dai quali volutamente accoglie le suggestioni, ironicamente filtrate e reinterpretate in chiave attuale. Ri-presenta la materia pittorica della tradizione, combinandola con l’influenza immateriale del nuovo media digitale. Così il linguaggio surrealista, la pittura grafica dei futuristi e l’arte del manifesto si contaminano col più attuale codice del graffitismo urbano e dell’illustrazione vettoriale, in una sintesi inedita e ben organizzata. Una creatività esente da vincoli, quella di Napal, che si modula nel luogo o sul supporto, sia esso la strada, la tela, il museo o la galleria, rimanendo inevitabilmente libera e in costante evoluzione.

Lidia Bruno

COLOR MATCH

 COLOR MATCH – URBAN ART FOR SOCIAL INCLUSION 

un incontro tra la Urban Art e il Wheelchair Rugby 
una spinta di solidarietà per aiutare un gruppo di ragazzi coraggiosi

INGRESSO LIBERO: dalle ore 18:30 fino alle 21:00 
PROGRAMMA: Mostra carrozzine d’artista, Musica Live, Presentazione Progetto, Asta di solidarietà, Aperitivo e DJ Set
SITO WEB: http://colormatch.alatha.org/
INSTAGRAM: #colormatch2017

10 ragazzi tetraplegici della Polisportiva Milanese 1979 Sport Disabili si allenano intensamente due volte a settimana per costruire una squadra di Wheelchair Rugby: uno sport fortemente dinamico che richiede un lavoro ed una preparazione atletica non indifferenti. Nonostante i giocatori siano persone con importanti deficit motori anche agli arti superiori, il gioco non concede sconti; per portare a casa la partita bisogna rimanere costantemente in movimento e riuscire a portare la palla oltre alla propria metà campo in non più di 12 secondi. Match – o meglio quarti – fatti di scontri violenti e amichevoli incontri, gruppi di difensori e attaccanti solitari, veloci corse e cadute rovinose. Uno sport che richiama, anche da fuori Milano, chi non può fare gli sport più conosciuti e supportati, che con le sue regole ha unito un gruppo di amici affiatati e ha dato una strada e degli obiettivi ambiziosi a chi ha deciso che la vita va presa di petto. Grazie all’idea e sostegno di un grande amico di Alatha Onlus è stato possibile donare a questi ragazzi 4 carrozzine da rugby, dal valore di 4.000/5.000 euro l’una poiché costruite su misura e tecnicamente studiate per reggere gli urti del gioco. La donazione, insieme alle carrozzine che i ragazzi sono riusciti ad acquistare con i loro sforzi, darà il via alla costituzione di una vera e propria squadra di Wheelchair Rugby, la prima a Milano. 
Per celebrare questo evento unico e renderle ancora più belle e aggressive, 9 artisti di Urban Art, decoreranno con il loro linguaggio queste carrozzine, donando la propria energia alla solidarietà, con l’auspicio che Alatha raccolga i fondi per il loro trasporto dei ragazzi alle partite.

2501, D-Egon, Ericsone, Flycat, Joys, KayOne, Kasy23, Rendo, Wiz Art

L’arte di strada è il veicolo di messaggi universali che più si avvicina alla mission di Alatha: l’inclusione sociale di tutti. E’ un’arte che può svilupparsi in forme e tecniche differenti “su misura” degli spazi urbani, accumunate da una solo principio, che debba essere fruibile da tutti. Al fine di raccogliere fondi per il progetto Mobilità per tutti di Alatha e nello specifico dare un aiuto concreto ai ragazzi che devono recarsi agli allenamenti e partite sarà organizzata un’asta benefica per il simbolico acquisto di una parte della carrozzina. Gli spostamenti sono di fatto uno dei problemi maggiori di questi ragazzi, che disincentiva l’aggregazione sociale e lo spirito di iniziativa, per questo motivo e per la coerenza con l’attività istituzionale di Alatha, devono essere agevolati.

Per ulteriori dettagli, accorgimenti e poter aiutare 
nell’organizzazione potete contattare direttamente
Paola Tomasi – tel. 3201529826 – comunicazione@alatha.it
Alessandro Mantovani – tel. 3356146950 – alessandro.mantovani@stradedarts.it

Alatha Onlus – Via Savona 37, Milano
Stradedarts – Largo dei Gelsomini 6, Milano

VECCHIA SCUOLA – Graffiti Writing a Milano

Presentazione del libro
VECCHIA SCUOLA – GRAFFITI WRITING A MILANO
di Marco KayOne Mantovani

Giovedì 20 luglio 2017 – ore 19:00
BASE – Via Bergognone 34, Milano 

Dj Set: Danilo Paz, Dj Jad, Dj Enzo, Dj Rash 

Vecchia Scuola, un libro che raccoglie, racconta e fotografa la nascita del fenomeno del Graffiti Writing a Milano tra il 1980 e i primi anni ‘90, visto attraverso gli occhi dei protagonisti. Anni in cui la cultura Hip Hop e del Graffiti Writing si diffusero in Italia, posando le basi per lo sviluppo di un fenomeno nazionale ben visibile oggi, in tutte le nostre città. I nostri pionieri ci guidano in questo viaggio fotografico e di racconti fatto di emozioni, amicizie e rivalità, ma soprattutto di tanta creatività, originalità e ricerca, ispirata dai quei mostri sacri americani ed europei che li hanno preceduti. Pubblicando i lavori di questi writer, che in quegli anni iniziarono il loro percorso, speriamo di rendere omaggio a questa cultura e alla sua evoluzione. Questo libro è dedicato a loro, che hanno fatto la storia del Graffiti Writing milanese.

464 pagine, oltre 1000 immagini.
Disponibile su dragolab.com